Newsletter di TenStep Italia e PMTSI

3 Ottobre 2017

EDITORIALE: I Colori dell’Autunno

Settembre è stata la cerniera tra il grande caldo e la ripresa delle piogge. Finalmente! Ottobre ci annuncia l’arrivo del freddo, l’inquinamento delle caldaie per il riscaldamento, ma ci delizia con tante sfumature di giallo a indicare che gli alberi entrano in una fase di riposo fino alla prossima primavera.  Qualche fungo, un po’ di castagne, olio e vino buono ci fanno sperare che in fondo il 2017 non sarà proprio da buttare.

Nel campo della formazione, invece, le prospettive non sono altrettanto rosee. Molti corsi vengono cancellati o rinviati per mancanza di iscritti. Le persone e le aziende, nonostante la sbandierata ripresa, stanno centellinando il budget dell’anno prossimo, rinunciando ad ogni velleità in questo scorcio di 2017. Peccato! Tre mesi persi sono tanti.

Ciò nonostante, noi continuiamo la nostra marcia, grazie ai professionisti che ci seguono con i corsi online e con qualche interessante iniziativa anche nella PA (Pubblica Amministrazione).

Di recente, ho annunciato un corso sulla Norma ISO 31000 – Risk Management, perché l’abbiamo appena erogato ad un Ente Pubblico, con enorme soddisfazione dei partecipanti.

Questo nuovo corso è il legame tra la gestione del rischio nei progetti e il nuovo sistema di qualità dettato dalla Norma ISO 9001:2015 che richiede semplicemente che venga data evidenza di come e quando i rischi siano stati valutati e dei piani previsti per affrontarli. Il concetto di valutazione del rischio, pretende che l’azienda consideri tutto quello che impatta sulla continuità dei processi aziendali, facendo diventare più importante conoscere le Norme ISO 31000ISO 31010  sul Risk Management e relative Tecniche di Assessment del Rischio.

Continua il nostro impegno per promuovere la Nuova Certificazione dei Project Manager secondo la Norma UNI 11648:2016. La prossima edizione del corso sarà a Roma dal 13 al 17 Novembre e poiché TenStep Italia e SSC srl parteciperanno al prossimo PMEXPO del 27 Ottobre, stiamo definendo il modo di offrire un consistente sconto a chi si iscrive in concomitanza dell’evento. Trovi ulteriori informazioni al seguente link:La Norma UNI 11648:2016 nel Project Management

Il Project Management è l’arte di far accadere le cose. Il PM sta evolvendo verso una maggiore attenzione alle “Competenze Interpersonali”, all’apporto di valore dei progetti  ed alla crescente diffusione della filosofia Agile.

L’Offerta TenStep/PMTSI mette l’accento sull’importanza delle Certificazioni da Project Manager, in particolare quella conforme alla Norma  UNI 11648:2016 “Attività professionali non regolamentate – Project manager – Definizione dei requisiti di conoscenza, abilità e competenza”, la quale  stabilisce  come ottenerla attraverso un Organismo di Certificazione (OdC)  secondo uno schema accreditato da Accredia.

Ormai l’offerta formativa di TenStep Italia e PMTSI investe molte certificazioni da Project Manager, Risk Manager, Business Analyst e Marketing Manager attraverso Organismi come: PMI, AXELOS, VMedu, IIBA e adesso anche CEPAS Bureau Veritas, l’OdC con il quale abbiamo concordato la qualificazione del nuovo corso sulla Norma UNI 11648 e l’inclusione della quota di esame nella quota di partecipazione al corso. Pensiamo a tutto noi. Il candidato deve solo esibire i suoi prerequisiti e indicarci il progetto sul quale intende sostenere la prova orale finale.  Al quinto giorno di corso potrà sostenere le due prove scritte previste e se le supera, come ci attendiamo, potrà schedulare la sua prova orale presso CEPAS. Questo approccio consente di raggiungere la certificazione da Project Manager in tempi brevi e a costi molto contenuti.

L’intero pacchetto formativo sulla certificazione PM_UNI-11648 comprende: la nostra assistenza fino alla certificazione, il materiale didattico in formato cartaceo ed elettronico, tante esercitazioni significative, il test finale e le prove di esame scritte, sotto la guida dell’OdC CEPAS Bureau Veritas e la docenza di Vito Madaio e Fabrizio Nanni.

Abbiamo predisposto anche una Versione LIGHT del corso per conseguire la Certificazione da Project Manager secondo la norma UNI 11648:2016. Questa soluzione,  molto economica, consente di accedere tutto il materiale del corso in formato elettronico e di studiare in piena autonomia. Sarà sufficiente partecipare ad un solo giorno di corso in aula per una panoramica sulla norma ISO 21500 e per le prime due prove di esame, previo ammissione all’esame da parte di CEPAS.

Buon autunno a tutti e grazie del passaparola.

Vito Madaio, PMP®, TSPM™, SMC™


REGOLE: Comprendere la Natura della  Gestione  della Qualità

Estratto dalla Metodologia di Project Management TenStep

Scoprire gli Errori il Prima Possibile

Un dirigente HP una volta osservò che “se scopri un resistore da due centesimi, prima di rilasciare un prodotto, rimuoverlo ti costa solo due centesimi.  Se non lo elimini fino a quando il computer non viene venduto può costarti $10  per riparare quella parte. Se non lo scopri e resta nel computer….. se a scoprirlo sarà il cliente, il costo può superare il costo di fabbricazione del computer stesso.” 

Uno degli scopi della Gestione della Qualità è trovare gli errori ed i difetti del prodotto il più presto possibile. Perciò, il processo di Gestione della Qualità  dedica  più ore e più risorse finanziarie nella fase iniziale del progetto, in quanto ci si aspetta un ritorno maggiore nel corso del progetto.

Per esempio, è molto più conveniente scoprire problemi sui requisiti di business durante la fase di analisi, anziché  dover rifare del lavoro per rimuovere i problemi dopo il test della soluzione.  E’ anche molto più economico  scoprire un problema in un chip di computer in fabbrica, anziché doverlo sostituire presso il cliente dopo che il computer è stato venduto e consegnato al cliente.

In altre parole, il team di progetto cerca di mantenere alta la qualità e bassi i difetti durante la creazione delle deliverable, anziché sperare di scoprire e fissare i problemi durante il test, verso la fine del progetto (o peggio, farli scoprire  all’utente dopo che il progetto è stato completato).

Su molti progetti IT, l’onere di scoprire errori arriva durante l’ultima fase di test  e manutenzione del progetto.

Un migliore approccio è effettuare i controlli della qualità e l’assicurazione della qualità durante il progetto. Occorre cercare di prevenire quanti più errori possibile. Ma, è importante anche scoprire, il più presto possibile, qualsiasi errore per minimizzare l’impatto delle loro correzioni.
9.0.1.P2 Controllo Qualità e Assicurazione Qualità
Prima di poter definire l’intero  processo della qualità, occorre una breve spiegazione della definizione di controllo  e assicurazione  della qualità.

  • Controllo Qualità (QC – Quality Control) – si riferisce ad attività nel corso della creazione delle deliverable di progetto. Il Controllo della Qualità si chiama anche “Ispezione” poiché significa che la qualità viene confermata in una deliverable (o bozza di deliverable) che già esiste. Il QC viene utilizzato  per verificare che le deliverable siano accettabili e che corrispondano ai criteri di completezza e correttezza stabiliti nel processo di pianificazione della qualità. Il QC viene condotto sistematicamente  nel corso del progetto ed è una responsabilità di tutto il team di progetto e del  project manager.
  • Assicurazione Qualità (QA – Quality Assurance) –  non si riferisce direttamente a specifiche  deliverable, ma solo ai  processi utilizzati per produrle; La QA è detta anche “Prevenzione”. In generale, le attività di quality assurance mettono a fuoco i processi da utilizzare per gestire e rilasciare una soluzione  e possono essere eseguite da un manager, dall’utente o da una terza parte. Per esempio, un revisore indipendente  può non saper stabilire se una specifica  deliverable sia  accettabile, ma è in grado di verificare  se la  deliverable ha seguito il  processo di creazione predefinito. Il revisore esterno può determinare, per esempio, se sono state effettuate le verifiche, se il test è stato adeguato, se lo sponsor  ha approvato il lavoro,  etc.

La Quality Assurance viene eseguita ad un livello più alto del  Quality Control.

Per esempio, puoi ispezionare il 100% del prodotto che stai producendo con il controllo della qualità. Durante l’ ispezione puoi scoprire che il 3% dei prodotti sono difettosi e vanno distrutti. Con la tecnica della Quality Assurance determini cosa causa quel 3% di difettosità. Una volta scoperta la causa dei difetti, dovresti modificare il processo di produzione per cercare di eliminare la causa degli errori. Il miglioramento dei processi fa parte della Quality Assurance.

Le modifiche al processo di produzione determinate dalla  quality assurance  comporteranno la scoperta di meno difetti nelle successive  ispezioni di quality control.

Per acquistare una licenza TenStep,  contattaci con il modulo di comunicazione.

Ultima Chiamata Preparazione Esame di Certificazione PMP o CAPM Roma 16-20 Ottobre 2017 a soli € 1.200,00 per singoli o € 1.000,00 per iscrizioni multiple e GRATUITO per UN INOCCUATO

Modulo di Iscrizione


ESPERIENZE: Il Problema di Lucrezio e lo “stress test”

Nassim Nicholas Taleb, l’autore del Cigno Nero, continua a sfornare riflessioni sulla gestione del rischio. Dal nuovo libro dal titolo “Antifragile“, a proposito di “stress test” osserva:

“In realtà, il nostro organismo individua le probabilità in modo sofisticato, ed è più abile della mente nel valutare i rischi. Per fare un esempio, gli esperti di gestione del rischio ricercano negli eventi del passato il cosiddetto scenario peggiore e lo utilizzano per prevedere i rischi futuri mediante il metodo chiamato . In altre parole, studiano la peggiore recessione della storia, la peggiore guerra, il peggiore andamento dei tassi di interesse o il peggiore tasso di disoccupazione e fanno una stima esatta del peggior risultato possibile nel futuro. Ma non notano mai la seguente incongruenza: questo cosiddetto evento peggiore, quando si è verificato in passato, ha superato il caso peggiore mai registrato fino ad allora.”

Secondo Lucrezio – poeta e filosofo latino – lo stolto crede che la montagna più alta del mondo sia pari a quella più alta da lui osservata. Allo stesso modo, dice Taleb, “noi consideriamo l’oggetto (di qualsiasi natura) più grande che abbiamo visto o di cui abbiamo sentito parlare nella nostra vita come se fosse il più grande che possa esistere in assoluto. E lo facciamo da millenni. Nell’Egitto dei faraoni, il primo esempio di stato-nazione top-down governato da burocrati, gli scribi analizzavano il livello delle piene del Nilo e usavano i dati per arrivare a una previsione sullo scenario futuro più pessimistico.

E’ accaduto la stessa cosa nel 2011 con il reattore di Fukushima, che in seguito allo tsunami ha avuto un catastrofico collasso. Era stato progettato per resistere all’impatto del peggior terremoto mai registrato in passato, senza tener conto che sarebbe potuto accadere qualcosa di ancor più distruttivo e soprattutto senza pensare che il peggiore evento del passato era stato, all’epoca, una sorpresa, non avendo avuto precedenti.”

Altra saggia considerazione. ” Se l’uomo combatte l’ultima guerra, la natura sta già combattendo quella successiva, e il vostro corpo è molto più abile di voi nell’immaginare il futuro. Nell’allenarsi con il sollevamento pesi, l’organismo risponde allo stimolo superandosi ogni volta, e adattandosi così ai limiti successivi (fino ai propri confini biologici, ovviamente). In questo modo diventa più forte.

Per registrarti al sito www.tenstep.it utilizza il modulo: Registrati, per restare sempre informato sulle nostre iniziative e accedere gratuitamente più contenuti delle nostre metodologie.


INIZIATIVE: Prossimi Eventi Importanti