Newsletter di TenStep Italia e PMTSI

8 Gennaio 2018

EDITORIALE: Ben Tornati e Buon 2018

Eccoci di nuovo al pezzo, dopo una breve pausa. Il 2018 non possiamo sprecarlo in chiacchiere , è arrivato il momento dei fatti.

Sentiremo tanti discorsi politici fini a se stessi. Ci sarà la gara a chi la spara più grossa: io tolgo una tassa, io ne tolgo due, etc. Ricordate la storiella del cacciatore e il pescatore. Ad un certo punto, non sapendo più che inventarsi, il cacciatore disse: “Se non accorci quell’anguilla, io faccio una strage!”

Con uno sforzo immane abbiamo allineato i nostri corsi al PMBOK ® Guide 6th Edition e alla “Agile Practice Guide®“. E’ in fase di revisione anche il corso PMI-PBA Prep Online per essere allineato al nuovo standard “The PMI Guide to Business Analysis“.

  

Così, l’anno parte all’insegna  del rinnovamento completo: i fatti.

Abbiamo rivisto anche il Calendario Corsi per il primo semestre 2018. Tutti i nostri corsi  possono essere erogati presso le sedi dei clienti, in tutta Italia, anche con  la Formazione Finanziata, praticamente a costo zero. Esempio:

Offerta Speciale: Formazione per Aziende

Preparazione Certificazione PMP® o CAPM®

basata sul PMBOK ® Guide 6th Edition

Formula 5 x 5 x 5K€

Corso di formazione nella sede del cliente, in tutta Italia, incluso Svizzera di lingua Italiana, San Marino e Città del Vaticano, per preparare l’esame di certificazione PMI: PMP® o CAPM®, per 5 candidati, in 5 giorni, a € 5.000,00.

Per ogni altro partecipante, massimo 12, chiediamo un contributo di soli € 300,00 per materiale didattico, attestato delle contact hours e accesso al Simulatore d’Esame per 90 giorni.

(Con 10 partecipanti il costo per partecipante scende a soli 650€, quasi l’equivalente del corso PMP-Prep Online, incluso nel corso in offerta).

Se hai bisogno di Project Manager Certificati, per competere nell’attuale mercato sempre più esigente, ecco come ottenerli in meno di 40 giorni.

Il corso è finanziabile interamente con i fondi interprofessionali, cioè potrebbe essere anche a costo zero!

Contattaci per un preventivo formale

La prima edizione del corso pubblico allineato al PMBOK 6th Edition si terrà a Roma dal 19 al 23 Febbraio 2018

In alternativa, per chi non fa parte di un’azienda, oltre al  corso in aula del 19 Febbraio 2018 a Roma, è disponibile  il nostro best seller:

La prima edizione in aula è prevista per il 19 Febbraio 2018 a Roma.

Buon lavoro a tutti

Vito Madaio, PMP®, TSPM™, SMC™


REGOLE: Stabilire la revisione di fine Fase

Estratto dalla Metodologia di Project Management TenStep

Al completamento di ogni fase principale del progetto, il team deve concedersi una piccola pausa per garantire che il lavoro precedente sia stato realizzato con successo e che team e sponsor siano pronti a procedere con la fase successiva. A volte, questi criteri vengono chiamati “Uscite e Criteri di Entrata” o semplicemente “revisioni di uscita (gate reviews)”.

Questi momenti di verifica sono un modo per  confermare dove è arrivato il progetto e assicurarsi che tutti concordino nel procedere con la fase successiva. La verifica di base tende ad essere simile di fase in fase, ed anche di progetto in progetto.

Comunque, queste revisioni possono essere gestite con una checklist. La revisione finale può essere la relativa Quality Assurance poiché questa è focalizzata sui processi adoperati  anziché sulle deliverable prodotte. Le revisioni delle deliverable devono essere state fatte precedentemente nel corso della fase. E’ importante ottenere l’approvazione formale della fase per più ragioni.

  • Il team deve essere sicuro di non andare avanti di sua iniziativa. Per esempio, se inizi la Fase di Disegno senza aver finalizzato i requisiti, potresti trovarti con un disegno che non soddisfa a pieno le esigenze dello sponsor o potresti sprecare tempo e denaro su un rifacimento.
  • Il project manager deve assicurarsi di avere ancora il favore dello Sponsor, la disponibilità di budget e le risorse necessarie.  Ottenendo l’approvazione formale a procedere in una riunione di verifica, si ha la garanzia che il progetto è ancora valido e che ci saranno le risorse per completare il lavoro. Se procedi senza un’approvazione formale, potresti finire con lo sprecare risorse su lavoro che non ha più sufficiente priorità procedere per l’azienda.

Scarica l’eBook della Metodologia di Project Management TenStep in comodi file PDF, in lingua Italiana e  Inglese


ESPERIENZENuovi Standard del PMI

Ogni 4 anni circa, il PMI aggiorna il PMBOK ® Guide. A Settembre 2017 è stata rilasciata la sesta edizione insieme alla guida “Agile Practice Guide” condivisa con Agile Alliance®.

Sinceramente, non ci aspettavamo così tante micro-modifiche rispetto al PMBOK 5th Edition. La struttura è rimasta la stessa, ma sono state ritoccate tantissime definizioni di componenti, adottando una terminologia non proprio di dominio pubblico.

E’ indubbio che si va verso approcci ibridi dove dovranno convivere due approcci: il predittivo tradizionale e quello adattivo/incrementale delle metodologie Agile. Mettere insieme le due filosofie in un solo testo è stata una inutile complicazione letteraria. Il nuovo PMBOK episodicamente accenna e compara concetti Agile con concetti tradizionali, senza mai affrontarli compiutamente. Inoltre, ha finito con l’allegare l’intera guida scritta insieme a Agile Alliance®.

La guida “Agile Practice Guide” è un insieme di concetti Agile per mostrare la complementarietà dell’approccio waterfall con i vari approcci Agile.

Ho esaminato l’intero PMBOK  sesta edizione in tutte le sue 978 pagine, sia pure in PDF. Mi vien da ridere a pensare a coloro che preferiscono ancora la copia cartacea. Molte lungaggini, comprese quelle dovute all’impaginazione fisica, potevano essere evitate.

Segnalo alcune mancanze o aggiunte rispetto alla quinta edizione:

  • Inspiegabilmente, dal PMBOK 6th Edition è scomparso ogni riferimento:
    • al Diagramma di Pareto e
    • alla Critical Chain Metodo di Goldratt
  • Viene enfatizzo come trend emergente, il concetto di Earned Schedule, affermando addirittura che sostituirà la classica Schedule Variance, pertanto lo Schedule Performance Index (SPI) diventerà Earned Schedule/Actual Time (ES/AT) e non più Earned Value/Planned Value (EV/PV). Se volevamo far confusione, eccoci serviti.

L’aver ritoccato molte definizioni nel testo originale in lingua inglese, spesso mal tradotti in lingua italiana, ha comportato un enorme lavoro di revisione del materiale didattico e degli esercizi di verifica (domande di esame) di tutte le certificazioni PMP, CAPM e ACP.

Mentre il materiale del corso per le certificazioni PMP e CAPM è stato interamente rivisto,  per il corso Agile PMI-ACP abbiamo creato un estratto della guida Agile Practice Guide, affiancandolo al materiale del corso, ancora più che valido.

Tutto il nuovo materiale è già in linea, a disposizione di chi prevede di certificarsi  dopo il 26 Marzo 2018.

Gli esempi della guida “Agile Practice Guide” non sono esaltanti. Eccone una chicca che mi ha fatto sorridere, anche se rende l’idea.   “The problem with predictive measurements is that they often do not reflect reality. It often happens that a project status light is green up until 1 month before the release date; this is sometimes referred to as a watermelon project (green on the outside, red on the inside). Oftentimes projects status lights turn red with seemingly no warnings, because there is no empirical data about the project until 1 month before release date.” (pagina 60 della guida).


INIZIATIVE: Eventi o fatti significativi

Abbiamo rivisto il Calendario Corsi per il primo semestre 2018.